Entertainment

Serie televisive che compiono 10 anni

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr

Il primo episodio con Walter White andava in onda il 20 gennaio 2008 quando l’AMC trasmise la prima puntata di ‘’Breaking Bad’’, serie ideata da Vince Gilligan che nel corso delle sue cinque stagioni ha ricevuto un enorme successo di pubblico e di critica, accumulando una marea di premi tra cui sedici Emmy Award, otto Satellite Award, dodici Saturn Award, sei WGA Award, cinque TCA Award, due Golden Globe, tre Screen Actors Guild Award, un PGA Award, due DGA Award e sei Critics’ Choice Television Award, oltre a spingere l’autore a sviluppare lo spin-off, Better Call Soul. Ma la serie sul chimico malato convertitosi a cinico spacciatore Walter White non è la sola a compiere 10 anni nel 2018: oltre a Breaking Bad, nel corso del 2008 sono partite tante serie, che hanno saputo conquistare il pubblico: tra serie crime, sci-fi, vampiresche, spicca anche l’italianissima Romanzo criminale (La serie).

Ecco una selezione di serie tv che quest’anno compiono 10 anni, tutte da ri-vedere:

Romanzo criminale – La serie

Prima c’è stato il romanzo del giudice Giancarlo De Cataldo, poi il film diretto da Michele Placido, infine è arrivata la serie che ha portato sul piccolo schermo la storia dei criminali della banda della Magliana.

Fringe

Quando l’FBI incontra la fantascienza, o si tratta di X-Files, o della serie ideata da J.J. Abrams, che di sci-fi non si stanca mai, appunto, con Pacey di Dawson’s Creek, che finalmente abbandona i panni dell’outsider fallito e indossa quelli di outsider super-intelligente.

Sons of Anarchy

Chiodi, anfibi e soprattutto tante moto rombanti: la serie da macho per la quale Charlie Hunnam ha evitato di diventare il protagonista maschile di Cinquanta sfumature di grigio, per sua fortuna.

True Blood

Avrebbe potuto chiamarsi anche “True Sex”, dal momento che nella serie vampiresca di sesso ce n’era tanto, ma proprio tanto, condito con quel tocco dark che ha messo d’accordo tutto il pubblico, fan di Sookie in primis.

The Mentalist

Qui si scopre la differenza tra mentalista e sensitivo, altrimenti esprimibile come tra arguzia e cialtroneria. E il protagonista, nonostante i riccioli d’oro, non è un genio buonista ma un uomo assetato di vendetta.

Terminator: The Sarah Connor Chronicles

Sequel televisivo del film Terminator 2 – Il giorno del giudizio, racconta la storia della protagonista femminile delle prime due pellicole cinematografiche della saga. Per la serie “dietro a ogni grande uomo, c’è una grande donna” – frase che di certo può servire per convincere la fidanzata femminista a cedere il telecomando.

I diari del vampiro

A cavallo tra il teen-drama e la saga vampiresca, la serie The Vampire’s Diaries ha puntato molto sul triangolo amoroso di tre bellocci e topi letterari vari.

Il commissario Wallander

Per i fan dei gialli dello scrittore svedese Mankell, l’interpretazione del protagonista, il detective più umano che si possa concepire, da parte di una star come Kenneth Branagh è puro godimento.

Eli Stone

Dopo due stagioni, l’ABC ne ha cancellato la produzione per i bassi ascolti, ma l’avvocato che, complice un aneurisma cerebrale, ha delle visioni e cambia approccio verso il mondo, guidato dalle musiche di George Michael, non era male. Soprattutto adesso che la popstar è morta e manca a tutti.

 

Write A Comment