Entertainment

È tempo di Gomorra

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr

Record da un milione per il primo episodio di ‘’Gomorra 3’’, andato in onda su sky venerdì 17. Forse una delle serie più critica, ma a quanto pare anche più amate di Sky: l’80% degli ascolti sono da parte delle famiglie. La celebre serie televisiva è stata tratta dall’omonimo libro di Roberto Saviano.

Tre anni e due stagioni dopo, il cerchio si è chiuso, aprendo un nuovo corso: salito sul trono criminale di Napoli, Genny ora è il re della sua famiglia, titolo per cui ha dovuto pagare un prezzo molto alto, e che gli costerà sicuramente ancora più caro: diventato padre lo stesso giorno in cui ha ucciso il suo, ora, al contrario dei suoi avversari, ha tutto da perdere, anche perché i nemici più pericolosi li ha in casa, primo tra tutti il genero, Giuseppe Avitabile (Gianfranco Gallo), genitore di sua moglie Azzurra (Ivana Lotito).

In questo sta il grande fascino e anche la cruda brutalità di Gomorra: il confine tra bene e male è molto sottile e una volta scelta la strada più buia è difficile cambiare, perché si dà sfogo a quegli istinti primordiali che ci hanno permesso di prendere il controllo del pianeta, sconfiggendo, per ora, la nostra natura mortale e allo stesso tempo condannando noi stessi e figli dei nostri figli a una realtà violenta, in cui regna la legge del più forte, che si ripete all’infinito, generazione dopo generazione.

L’aspetto vincente di ‘’Gomorra’’, la migliore serie italiana attualmente in onda e forse di sempre è quello di accostarsi ad un’opera Shakespeariana nella riflessione sulla paura della caduta e sulla caduta stessa che, ancora prima del racconto del male, è il nucleo caldo di una società basata sulla fame di potere.

Se avete aspettato allora l’uscita delle nuove puntate, l’agonia è finita e potrete scoprire come continua la storia.

Write A Comment