Health & Fitness

Come far crescere i polpacci senza andare in palestra

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr

I polpacci sono tra i muscoli più facili da allenare, ma anche tra i più difficili da far crescere; ciò può essere causato dalla genetica o da un allenamento che spesso si rivela errato e poco fruttuoso. Per far crescere al meglio questa sezione muscolare non è obbligatorio frequentare una palestra, in quanto si ci può allenare anche a casa e senza attrezzi per ottenere i risultati sperati.

L’allenamento del polpaccio è particolarmente indicato per coloro che puntano particolarmente alla tonicità e al raggiungere un buon livello di forma delle gambe. Questo muscolo, che spesso viene trascurato durante la consueta routine di allenamento assolve all’importante funzione del mantenimento dell’equilibrio: una funzione di straordinaria importanza sia per culturisti professionisti che per i neofiti.

5 metodi per tenere in allenamento i nostri polpacci

  1. Camminare e correre sono gli esercizi più naturali per rinforzare i gruppi muscolari delle gambe. Coniugare le due attività con cadenza quotidiana influirà alla lunga positivamente sulla crescita dei polpacci.
  2. Salire e scendere le scale può aiutarci in modo semplice ma efficace a tenere allenati i polpacci, in modo semplice e veloce
  3. Se la palestra non è il tuo forte, puoi senz’altro provare le alzate contro una parete di casa.  Posizionati in piedi di fronte al muro a circa 40 cm con le mani poggiate sul muro, mantenendo la schiena dritta. Alzati così lentamente sulle punte dei piedi. Ripeti l’esercizio fin quando non raggiungi la soglia massima di affaticamento. Quando l’esercizio sarà diventato facilmente gestibile, è possibile procedere a effettuare alzate su una gamba sola o utilizzare un rialzo (una tavoletta di legno o un gradino) per ampliare e diversificare il lavoro a carico del muscolo.
  4. Gli affondi frontali, laterali ed inversi sono esercizi che non richiedono alcun tipo di strumento e che allenano attivamente tutti i gruppi muscolari della parte inferiore del corpo, consentendo un ampio coinvolgimento del polpaccio, ampiamento coinvolto nell’intero arco di movimento.
  5. Di fondamentale importanza al termine di ogni allenamento e l’esecuzione di alcuni movimenti di stretching, per rilassare il muscolo e aumentarne la tonicità. Vi consigliamo di provare questi due semplici esercizi: da seduti a terra (gamba distesa), afferriamo la punta del piede e manteniamo la posizione per almeno 10- 15 secondi; posizioniamoci poi di fronte ad una parete, poggiando i palmi delle mani, facendo poi retrocedere tutta la pianta del piede a contatto con il pavimento, fino ad avvertire lo stiramento di tutte le fibre del muscolo coinvolto. Con un allenamento costante, i risultati non tarderanno a manifestarsi.

Write A Comment