Intervista esclusiva a Tinto Brass

Sabato 11 Maggio al Sexy Disco Excelsior di San Donnino (Firenze) il Maestro dell’Eros Tinto Brass ha ricevuto il Premio Excelsior come miglior regista erotico. Noi c’eravamo e questo è il nostro racconto della serata, impreziosito da un’intervista esclusiva…

Al Sexy Disco Excelsior, uno dei migliori “strip club” d’Italia, si sono tenuti due giorni di riprese del prossimo film-documentario IsTinto Brass. Il film ripercorre, omaggiandola, la carriera del cineasta veneziano, che è di conseguenza il protagonista principale. La regia del progetto (prodotto da Think’o Film e Federico Lami) è affidata a Massimiliano Zanin, sceneggiatore e assistente del Tinto nazionale ormai da diversi anni.

Quando io e il mio bravissimo fotografo Loris Gonfiotti arriviamo sul set, le riprese sono in pieno svolgimento e alcune delle meravigliose ragazze presenti sei giorni a settimana all’Excelsior si alternano davanti alla macchina da presa, in scene tese ad esaltare una ben precisa parte del loro corpo. Parte che, nel rispetto della battaglia contro l’ipocrisia di cui Tinto è fautore, chiamerò senza giri di parole… culo.
È evidente come Zanin sia cresciuto alla scuola di Brass, sul set si respira un clima goliardico ma professionale e lui tratta senza divismi tutte le attrici, probabilmente alla loro prima esperienza cinematografica. Insomma, si vede che ha proprio “la mano del suo maestro”… e questo ancora prima che gli faccia da controfigura per alcune scene in cui c’è da palpare generosamente le ragazze.

Tinto Brass in persona arriva, accompagnato dalla sua musa ispiratrice Caterina Varzi, pochi minuti dopo di noi. Si gira qualche scena tipicamente “brassiana”, con ragazze completamente nude che danno le spalle alla cinepresa e lui lì, seduto accanto, a fumare un immancabile sigaro.
Terminata la scena del Maestro, è il momento di qualche foto per i giornali e dell’intervista per La Nazione; dopo il quotidiano più diffuso a Firenze, siamo noi ad ottenere un’intervista esclusiva. Sì, me la sto tirando un po’… Problemi? Di seguito riporto il nostro colloquio, con alcune domande suggerite direttamente da voi lettori.

In Italia si accentua sempre più la dicotomia tra il bianco del finto perbenismo e il rosso del porno su internet. Sparisce la “zona rosa”, cioè gli ammiccamenti, la malizia, l’eros, mentre femministe e credenti chiedono alle donne di non valorizzare il proprio corpo. Niente più riviste glamour, niente film vietati ai minori di 14 anni, per non parlare di programmi come “Il cappello sulle ventitrè”. Secondo Lei, come sta l’eros in Italia?
L’Eros in Italia è sparito. Ed è un peccato, perché l’Eros non è pornografia, è femminilità. L’Eros è la vita, ma nell’Italia di oggi non trova spazio. Io sto provando da tempo a girare un nuovo film erotico, ma non me lo lasciano fare…

E quelli fatti non escono; è il caso di “Hotel Courbet”, presentato al Festival di Venezia nel 2009 e ancora inedito al grande pubblico. Quando lo vedremo?
Posso anticiparti che la distribuzione del cortometraggio “Hotel Courbet” è già in programma. Farà parte di un progetto che comprenderà anche tanto vecchio materiale inedito, come outtakes, backstage, immagini di scena… Tutta roba girata e mai vista. Ti faccio un piccolo regalo svelandoti quello che è il titolo (solo provvisorio) del progetto: “Schegge“.
Delle trattative per la distribuzione si sta occupando Caterina Varzi, che ha anche scritto la mia biografia, intitolata “Ma io vedo più in là“. L’uscita del libro, edito da Tea, è prossima.


Quindi i fan che aspettano un po’ di materiale d’archivio dovranno guardare più a “Schegge” che a “IsTinto Brass”
IsTinto Brass è una cosa diversa, un racconto della mia vita sul set, ma fatto con le tante scene inedite che stiamo girando in queste settimane più una moviola di mie vecchie immagini alla macchina da presa.

Diverse protagoniste di reality show si sono pubblicamente proposte per Suoi film, mi vengono in mente Annachiara Simonetti, Rosy Dilettuso, Guendalina Tavassi. Ma che succede, non le piacciono i reality, preferisce attrici vere, nessuna era il suo tipo o semplicemente non c’è stata occasione?
Il discorso è più complesso… Alcune si candidano parlando con i giornalisti, ma poi non si fanno vive; altre invece mi contattano davvero… e ti assicuro che tutte quelle che lo hanno fatto sono state provinate.
Un altro fenomeno curioso sono tutte quelle vip che rilasciano delle interviste per dire “mi ha cercata Tinto Brass, ma ho rifiutato!”. Sappi che in moltissimi casi non è vero niente, è solo pubblicità; la prima che mi viene in mente è Belen Rodriguez, non l’ho mai cercata.

Tra le sue attrici, la sua preferita per l’aspetto fisico?
Caterina Varzi.

E come persona?
Sempre Caterina.

L’intervista si chiude con Caterina che ridendo sottolinea come le ultime due risposte siano poco obiettive, considerato che lei è seduta accanto a noi…

All’Excelsior la serata prosegue come d’abitudine, aprendo le porte prima a chi ha prenotato una cena (si festeggiano addii al celibato e non solo) e poi ai semplici clienti. Le ragazze iniziano a spogliarsi (sì, si erano rivestite) e ad esibirsi ai pali, fino ad arrivare al momento clou della nottata.

Tinto Brass riceve, tra gli applausi del pubblico, il Premio Excelsior come miglior regista erotico, a poche settimane di distanza dalla consegna della stessa scultura a Rocco Siffredi.
Inoltre, vista la particolare passione del regista, il locale coglie l’occasione per assegnare il titolo di “Miss Culo Excelsior” ad una delle sexystar. È lo stesso Brass a scegliere la vincitrice tra le tre finaliste, Asia, Ariel e Michelle: la reginetta è Asia! Ci sembrava dunque opportuno scambiare qualche battuta anche con lei, per capire se davvero, come recita il più celebre aforisma di Tinto Brass, “il culo è lo specchio dell’anima”.

Ciao, raccontaci qualcosa di te!
Ciao, mi chiamo Asia, per gli amici Elena, e sono rumena. Faccio questo lavoro da quattro anni, mi piace ballare ed esibirmi.

Un commento al tuo successo?
Sono molto felice! Qui all’Excelsior ci sono tante belle donne e tutte hanno un bel posteriore, non mi aspettavo di vincere. Mi fa particolarmente piacere che sia stato Brass a scegliermi, una persona che sicuramente se ne intende di belle donne.

Vincendo questo titolo ti sei anche assicurata un ruolo più in vista nella pellicola che si sta girando. Qual è il tuo film preferito di Tinto Brass e chi la tua attrice preferita tra quelle dei suoi film?
Ehm… Posso essere sincera? Non ho mai visto interamente un suo film! (ride) Dai, diciamo che mi faceva piacere iniziare da quello in cui ci sarò anch’io…

Dopo questa esperienza, ti piacerebbe girare una commedia?
Sì, molto.

E un altro film erotico?
Forse sì, dipende dal film…

E un film porno?
No, questo lo escludo.

Salutiamo Asia e saluto anche voi lettori, che spero non vi siate limitati a “guardare le figure”. La notte all’Excelsior ha visto anche lo spettacolo di Valeria Visconti, ma noi siamo andati via poco dopo il suo arrivo.
Concludo ringraziando Lapo dell’ufficio stampa per la grande cortesia e Loris Gonfiotti, autore come sempre di splendide foto.
Alla prossima!

You may also like...

4 Responses

  1. Lore Ferrara says:

    Bravissimi Styl e Loris! Tinto sul Be! è un onore 🙂

  2. LORIS says:

    GRANDE DANIELE!

  3. Rod says:

    [G]In Italia si accentua sempre più la dicotomia tra il bianco del finto perbenismo e il rosso del porno su internet. Sparisce la “zona rosa”, cioè gli ammiccamenti, la malizia, l’eros, mentre femministe e credenti chiedono alle donne di non valorizzare il proprio corpo. Niente più riviste glamour, niente film vietati ai minori di 14 anni, per non parlare di programmi come “Il cappello sulle ventitrè”. Secondo Lei, come sta l’eros in Italia?[/G]
    [C]L’Eros in Italia è sparito. Ed è un peccato, perché l’Eros non è pornografia, è femminilità. L’Eros è la vita, ma nell’Italia di oggi non trova spazio. Io sto provando da tempo a girare un nuovo film erotico, ma non me lo lasciano fare…[/C]

    Riporto questo passo perchè mi sembra il più interessante.
    Secondo me l’ eros è sparito anche perchè sono spariti i “cervelli” capaci di metterlo in scena. E a quei pochi gli spezzano le gambe quando ci provano (e mi riferisco esplicitamente al film di Paolo Franchi fischiato e premiato a Roma l’ anno scorso).
    Poi è anche il momento storico a non aiutare. Da una parte assistiamo quotidianamente alle “prodezze” del cavaliere di hArdcore (ed ai suoi processi), dall’ altra non si possono non menzionare le leggi più o meno recenti negli anni hanno “messo i paletti” alle nudità femminili nella televisione italiana, non senza la paradossale contraddizione di svilire ulteriormente la figura femminile come semplice veicolo pubblicitario per ogni genere di prodotto o buttandolo comunque in pasto alle più atroci volgarità (purchè non si veda nulla) dei reality delle varie reti televisive pubbliche e private. Per non parlare della moda dei calendary “sexy”. All’ inizio davvero qualcosa paragonabili a forma d’ arte, poi scaduti insieme al livello delle protagoniste arruolate. Nella micidiale regnatela dell’ ipocrisia (e del photoshop) non poteva non finirci anche il “nostro” Playboy: l’ edizione italiana della famosa rivista americana, un tempo meritevole di elogi anche dall’ estero, oggi fa scandalo soltanto per la sua clamorosa inutilità come magazine patinato. A parte l’ immancabile photoshop, è l’ idea stessa di concedere gloria su quelle pagine anche a chi non sa osare e mettersi in gioco fino in fondo (come invece ha fatto Caterina da donna con la D maiuscola e da attrice veramente professionale pur debuttando in tali vesti, per fortuna tolte subito, con il cortometraggio che tutti sappiamo), il numero con la Cagnotto è solo l’ ultimo esempio in tal senso.
    Manca, come nella domanda posta, proprio quella via di mezzo che i film di Tinto andavano a riempire ma che avrei voluto vedere affiancati da altre firme coraggiose del nostro glorioso cinema di un tempo. Manca l’ eros condito con la salsa piccante del porno non hardcore che in Germania, ad esempio, stanno cercando come via alternativa al porno commerciale e come nuova rappresentazione della stessa pornografia, sdoganandola più vicina all’ arte. E cito il cortometraggio “Hotel Desire” o il più recente [URL=http://vimeo.com/43728553]”The Great Ephemeral Skin”[/URL] nato come [URL=http://www.imdb.com/video/wab/vi1585422873/]un esperimento[/URL] di due giovani cineasti di documentare l’ intimità della coppia in modo totalmente privo di tabù.

    Se Caterina ci legge ne approfitto per salutarla, e la invito a partecipare a questo forum, e a questa discussione in particolare, nelle vesti di “agente di collegamento” tra il mondo ermetico di Tinto Brass ed i suoi tanti fans, ora anche di Caterina. Inoltre mi farebbe davvero piacere una sua mail, ovviamente non quella strettamente privata ma un recapito aperto e dedicato ai fans dal momento che scrivere tramite il sito del Maestro è quasi inutile poichè esso sembra abbandonato da tanto tempo.

    Saluti a Tinto e Caterina.

  4. flavio koea says:

    Love Lab, Officine della Felicità  
    Evento a luglio per Roma la Citta’ dell’Amore, molto piu’ di una kermesse erotica!!!
    Di Flavio Koea
    La Manifestazione Love Lab, Officine della Felicità, a Roma dal 5 Al 7 luglio nella bellissima futurisica Struttura  del PalaCavicchi (uscita G.R.A. Ciampino) non e’ soltanto la solita Kermesse tipo Fiera Erotica  ma è un vero e proprio Evento Socio Culturale e di Costume da non perdere, infatti ha ricevuto il Patrocinio del Comune di Roma Capitale, fatto storico e riconoscimento unico per una manifestazione con argomenti legati alla sessualità all’eros e alla trasgressione in maniera legale e positiva. Questo prestigioso imprimatur del patrocinio nella Citta’ Eterna di Roma, residenza del Papa e del Vaticano fa capire che anche in Italia qualcosa sta finalmente cambiando nella mentalità  e nei costumi delle Istituzioni e dei governanti, ma soprattutto fra la gente.
    Un grande meeting  con tematiche importanti quali l’omofobia ,la violenza sulle donne e la sessualita’ per i disabili,che vedrà riunite molte fra le più importanti e storiche organizzazioni (Certi Diritti, Assosex. Rosso Limone, Love Giver, La Rosa e le Spine, Viviroma, per citarne qualcuna) e personaggi testimonial (David Gramiccioli Premio Amnesty Internatinal Contro la Pedofilia  , Debora De Angelis e il pornostar Francesco Malcom per il sesso e disabili) che si occupano e difendono i diritti e le libertà individuali, e le principali realtà ed anche aziende che trattano questi temi, ciascuna per il proprio peculiare aspetto insieme a tutto il mondo delle luci rosse e dell’eros (locali di lap dance, club privè, organizzazioni Bdsm e Gay, porno e sexy star maschli e femminili)
    Affrontare il tema delle libertà sessuali significa certamente parlare di eros e di gioco, ma soprattutto di temi attualissimi e niente affatto scontati come omofobia, disabilità e il sesso,  violenza sulle donne, prevenzione rivolta soprattutto ai giovani su l’Hiv e altre malattie, prevenzione anche sui malcostumi nei modi di affrontare la sessualità e l’eros e avere consigli per viverli nei modi giusti.
    Non stiamo parlando di temi di nicchia ma di argomenti che toccano una grande fetta della popolazione europea e che in altre nazioni con grande coraggio e serietà sono già stati affrontati e risolti anche a livello legislativo e politico. Strutturato come evento a 360° LoveLab  Officine della Felicità affianca alla parte scientifica, di dibattito e seminariale la parte ludico espositiva e musicale e di spettacolo mediante la creazione di un villaggio  in buona parte interattivo ove il visitatore potrà intraprendere un “viaggio” alla scoperta di….. mostre fotografiche e pittoriche, spettacoli erotici dal vivo (dal divertente burlesque, lo storico strip tease, all’intrigante bodypainting), l’eros nella storia (a partire dal Gabinetto Segreto di Pompei dove  e’ raccontata la sessualità dei Romani ), presentazioni dei libri Golena Malatempora del padre del porno Lasse Braun.(la parte culturale e’ diretta dal Prof. Architetto Oreste Albarano, ufficio stampa Gabriella Sassone) 
    Love Lab, Officine della Felicità avrà anche come Master of Ceremony il Doctor Felix (radio 101 e Chiambretti Night) Henry Pass (m2o Radio Network e Gloss) e una grossa pattuglia di Porno e Sexy star maschi e femmine tra cui Valentina Nappi, Rocco Siffredi ,(se non sara’ vincolato in quei giorni nella registazione di puntate del suo format tv su Sky),.Francesco Malcom,Loredana Bontempi,Lisa Torrisi (la Pornomaga) la sexy pittrice Symba, Caroline Dejaie, , Noemy blond, Asia D’Argento, Carla Cox, Ilary De Blasy, Beatrice Pantera, Barbara Gandalf e i Bad Angels, Sexy Luna, Paris Wilton ,Szabina Taylor, Rebecca Ferri, Ionella Dantes, Bamby, Lara de Santis, Maggie Anderson Melany Moore,, Giada da Vinci e Michelle Ferrari  e tutti i rappresentanti della nazionale  dei pornostar  Hot star team (con Claudio Arciola il capitano, David D’amico e Andrea Spider Autullo, Rokko Parisi sosia di Siffredi) e tantissime altre e altri. I registi storici del Porno come il già menzionato Lasse Braun, Luca Damiano, Max Bellocchio, Steve Morelli e Guido Maria Ranieri.
    Love Lab ha creato una web radio con la collaborazione del più ascoltato speaker della radiofonia nazionale Fernando Proce (RTL network ) dove fra una hit  e l’altra si parlerà dei temi sociali portanti della manifestazione e si potranno avere tutte le info su :www.lovelabradio.com ,trasgredisco tv e sex radio.
    Ci saranno inoltre anche  moltissimi spettacoli con Performers e Artisti provenienti dalle varie Culture metropolitane come il musicista elettronico Stefano Di Carlo, il maestro di Bondage Davide La Greca con il Piacere Artificiale, il Gruppo band musicale i Mantic, la bellissima Vivien Dark Angel e le Drag Queen del Drag Factory del Gloss di Rolando Rubeo e Simone Farag e i demenziali ma simpatici della Fabbrica del Degrado e i trasgressivi della Temptations Night  di The Next Eventi.
     Anche i Locali  e i loro Staff avranno  i loro spazi all’interno della manifestazione come L’Excelsior di Firenze, Il Paradise, BluMoon, DivaFutura, Infinity, W Las Vegas, Armony, Goja di Roma, Bolero Palace, Mythodea di Bologna, Le Chic di Vicenza, L’Eden club prive e tanti altri, che aderiscono alla manifestazione per  l’importanza del significato di questa e per dare il loro apporto in maniera costruttiva e per ribadire che le Officine della Felicità esistono e sono in opera per la costruzione di Roma Città dell’Amore, Capitale in Europa anche per questo. Love Lab, stiamo arrivando!!!

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *