Tutorial: colora le tue foto con Akvis Coloriage

Cercate un’alternativa semplice ed efficace a Photoshop per lavorare sui colori delle vostre immagini? L’amico Zoel ci propone una guida all’uso del software Akvis Coloriage, utilizzabile anche come plugin di Photoshop ed interamente dedicato a questa funzione. Buona lettura!

La semplicità di questo programma rende chiunque capace di poter colorare efficacemente delle foto. Non è necessaria nessuna conoscenza di Photoshop e simili, non si lavora né con “maschere”, né con “livelli”, né tantomeno con gradienti di colore; si usano solo pochi strumenti, ma i risultati che si ottengono colorando le foto sono più che ottimi. (NB: no, non mi paga la Akvis!)
L’unico requisito per colorare con successo un’immagine è la pazienza. No pazienza = no party.
L’interfaccia del programma è ridotta ai minimi termini. Vedere immagine per una descrizione dei vari strumenti.

Per una più facile comprensione del funzionamento del programma, è meglio procedere con un esempio. Questa è l’immagine che vogliamo colorare, ovvero una foto di Giorgia Palmas tratta dal suo calendario.

1) La primissima cosa da fare è mettere insieme i colori che dovremo poi usare nell’immagine. Il programma contiene già al suo interno dei set di colori per le varie parti del corpo e oggetti, tuttavia quando è possibile, è meglio cercare fonti di colori più dirette. Nel nostro esempio basta fare qualche caps del backstage della Palmas, in particolare dallo spezzone del set di questa foto, così da avere i colori fedeli alla realtà. Le caps possono essere aperte direttamente all’interno di Akvis Coloriage e i colori salvati tra i 18 colori personalizzati consentiti dal programma.
È meglio mettere insieme tutti o quasi i colori che ci servono per poi poterci dedicare totalmente alla “pittura” dell’immagine, inoltre è una buona idea disporre questi colori secondo un certo criterio, in modo da non dimenticarci a cosa corrispondono! Personalmente sistemo i colori che riguardano gli oggetti e lo sfondo sulla prima fila e quelli che riguardano la modella sulla seconda fila.
Consiglio: serve un solo colore della pelle, così come un solo colore dei capelli, etc… Per quanto la foto possa avere ombreggiature forti e/o aree molto illuminate, il programma penserà da solo a fare il gradiente.

2) Una volta messi insieme i colori, ci si può dedicare alla pittura della foto. Si procede molto semplicemente: si seleziona un colore e poi con lo strumento matita si vanno a disegnare le aree dell’immagine che vogliamo assumano quel colore e si procede allo stesso modo con gli altri colori.
Attenzione, non c’è bisogno di avere una precisione chirurgica nel disegno delle linee! In genere il programma capisce dove finisce un colore e dove ne comincia un altro, quindi non c’è bisogno di far combaciare linee confinanti di diverso colore!
Dopo qualche minuto il risultato che otterremo sarà simile a questo

Come si può notare, le linee che ho disegnato sono per lo più grossolane perché, appunto, non importa essere precisi al pixel, il programma capisce (quasi) sempre dove iniziano e finiscono i colori.
(non vi impressionate per la complessità delle linee nella maglietta, ho usato due colori, per dare anche un effetto alle parti bagnate della maglietta stessa, ma si sarebbe potuto usare semplicemente un colore unico per tutta la maglietta e ottenere ugualmente un risultato decente)
Comunque, l’immagine non è del tutto completa, manca ancora la colorazione della barca, però siccome vogliamo essere sicuri di aver lavorato bene, andiamo a creare una preview con l’apposito tasto (ci vogliono 20-30 secondi), che verrà caricata nella tab “Dopo”

Ok, sembra che i colori fin qui usati siano buoni (e non accade di frequente), ora non resta che finire di colorare la barca e poi fare un’altra preview.

3) Bene, abbiamo colorato tutta la foto (o quasi), ora comincia la parte più lunga, quella che richiede più pazienza, cioè il mettere a posto i dettagli di varia natura.

Dunque, per il logo e la cornice dell’immagine si usa la matita “mantieni colore” in modo analogo alla matita. Si fa abbastanza in fretta e i risultati sono quasi sempre buoni.

Per ciò che riguarda i particolari del viso si procede come al solito; una cosa a cui bisogna fare attenzione è la sempre presente sbavatura prodotta dalle sopracciglia e ciglia (se sono state colorate), pertanto è utile “contornarle” con il colore della pelle così che il loro colore non “esca” al di fuori. Allo stesso modo si possono contornare le labbra, anche se quasi sempre non è necessario.

Infine bisogna vedersela con le sbavature vere e proprie, che in genere si producono quando abbiamo invaso con il colore sbagliato un’area che dovrebbe essere di un’ altro colore (ad esempio, con il colore della pelle siamo andati sopra ad un’area di capelli, o viceversa) oppure possono anche verificarsi quando non abbiamo assegnato nessun colore ad un’area che seppur piccola viene quindi “invasa” dai colori più vicini. Nel caso delle sbavature, la parola d’ordine è pazienza, ricordarsi che si può zoomare oltre il 1000% se necessario (quindi non bisogna stare li a diventare orbi) e sopratutto prendere atto che la sbavatura si deve vedere il meno possibile a dimensioni normali (per cui se si nota solo dal 300% di zoom non importa stare li a smanettare).
Particolarmente ostiche sono le situazioni in cui si hanno capelli scuri (non in gruppo, diciamo un po’ separati tra loro) sulla pelle, perché questi due colori si sbavano l’un l’altro creando un brutto effetto visivo che è molto faticoso da risolvere.
Comunque una volta messe le mani su questi particolari, quando si è soddisfatti del proprio lavoro, si salva finalmente l’immagine finale!

(Oddio, non è una delle immagini che mi è riuscita meglio, ma non riesco a fare troppe cose contemporaneamente…)

Guida realizzata da zoel

Sul sito del produttore è possibile scaricare gratuitamente la versione di prova, valida per 10 giorni, trascorsi i quali si può decidere se procedere all’acquisto

You may also like...

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *